La pillola e ormoni bioidentici

La pillola anticoncezionale, o pillola contracettiva, è un farmaco con effetti ormonosimili da assumere per via orale, noto per essere uno dei più importanti metodi di prevenzione del concepimento. Contiene ormoni femminili estrogeno/estradiolo e progesterone in una forma biochimicamente alterata ed estranea al metabolismo, con composizione e dosaggi diversi.

Enovid, prima pillola in commercio

E’ apparsa sul mercato per la prima volta nel 1960, con il nome Enovid. In un primo tempo, le riserve morali di molte istituzioni generarono proteste e indignazione. La possibilità che una donna decidesse autonomamente se rimanere incinta era decisamente troppo. Per questo, all’inizio la pillola venne usata solo per eliminare i disturbi mestruali, e solo per le donne sposate.

Cosa succede con la sua assunzione?

Purtroppo, assumendo la pillola si impedisce l’ovulazione. La perdita di sangue mensile non è più una regolare mestruazione: la sospensione della pillola e l’improvvisa interruzione delle sostanze ad azione ormonale, che di solito è meno abbondante, più breve e priva di dolore. Questa emorragia serve solo da alibi per le donne, per mantenerle nell’illusione che il loro sistema ormonale continui comunque a funzionare.

E’ vero che oggi la pillola presenta dosaggi nettamente inferiori rispetto a prima ma, indipendentemente dal dosaggio, è e rimane un’intromissione artificiale nel sistema ormonale. Sono pochissime le donne, per non parlare delle ragazze, davvero consapevoli di quello che accade nel loro corpo con l’assunzione della pillola.

Le strategie di marketing per promuovere le pillole sono inquietanti, dato che vengono fatte passare per prodotti di tendenza, instillando nelle giovanissime la convinzione che il loro uso le renda più magre e più belle. E’ evidente che i rischi vengono nascosti.

Aumento dell’appetito, aumento di peso, accumulo di liquidi, emorragie intermestruali e senso di tensione mammaria, disturbi dello stato psicofisico (nausea, problemi visivi, mal di testa, spesso scatenati da un calo improvviso di estrogeni durante la pausa della pillola), maggior rischio di cisti, fibromi, trombosi e noduli al seno e rischio di trombosi, sono solo alcuni degli effetti collaterali e dei rischi dell’assunzione della pillola.

Ormoni bioidentici, cosa sono?

Spesso molte malattie, la cui causa è uno squilibrio ormonale non vengono diagnosticate e curate in modo corretto dalla medicina convenzionale. Anche quelle che a un’osservazione superficiale sembrano non avere niente a che fare con gli ormoni possono sparire del tutto e senza effetti collaterali grazie a una terapia calibrata individualmente a base di ormoni bioidentici, ovvero ormoni che corrispondono esattamente a quelli prodotti dal nostro organismo. Fra queste malattie rientrano per esempio le depressioni, le vertigini, i disturbi del sonno, il sovrappeso, l’emicrania, le aritmie cardiache, cisti ovariche e mammarie, sindrome premestruale, le fibromialgie o altri stati dolorifici.

Il presupposto per una terapia a base di ormoni bioequivalenti è sempre un test della saliva che diagnostichi con sicurezza quali ormoni sono presenti in dosi sufficienti e quali scarseggiano. Una somministrazione di ormoni senza aver prima effettuato un dosaggio di questo tipo equivale a guidare in condizioni di nebbia fitta e può avere gravi conseguenze. Anche la cura degli stati di carenza e squilibrio ormonale dovrebbe essere affidata a mani esperte. Nessuno che non sia medico o terapeuta dovrebbe provare a curarsi da solo, dato che le interrelazioni all’interno del sistema ormonale sono molto complesse e richiedono una sottile armonizzazione, in cui anche i sintomi vanno indagati e interpretati correttamente.

Il test della saliva è più affidabile rispetto alle classiche analisi del sangue, , meno complicato e più preciso per determinare il dosaggio degli ormoni steroidei e consente di misurare anche le più piccole alterazioni.

La mia esperienza

Ci tenevo moltissimo a realizzare questo articolo perchè è un’argomento che mi sta molto a cuore. Per anni i medici mi hanno obbligata ad assumere la pillola per il mio ovaio policistico e per l’acne ma purtroppo non mi hanno mai risolto nessuno dei due problemi. A distanza di anni mi sono ritrovata una ciste di 3 cm. Ho studiato parecchio, letto libri sull’argomento e ho capito che non era la cura. Ho realizzato che causa più problemi che benefici.

Spero che questo articolo vi sia stato d’aiuto! Se vi interessa posso realizzare un’articolo dove vi parlo dell’ovaio policistico. Fatemelo sapere nei commenti.

Un abbraccio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...