Naturopatia, ora vi spiego il mio lavoro

La naturopatia, temine coniato nel 1893 dal dottor Johnn Sheel per definire i suoi metodi di cura naturali, è una scienza olistica (da olos che significa intero), in quanto considera l‘uomo nella sua interezza, al contrario della medicina organicista che pone l’attenzione su una parte del corpo. Essendo olistica, lavora in maniera globale su tutti i livelli dell’essere (fisico, emotivo, mentale e spirituale) evidenziando il collegamento tra mente, corpo e spirito. Considera l’uomo come un sistema che è il risultato di un continuo interagire di sostanze ed energie in ingresso e in uscita, la cui salute dipende dall’equilibrio dinamico mantenuto nello svolgimento dei processi vitali.

La Naturopatia non persegue l’obiettivo di ‘curare la malattia’ ma utilizza ciò che la natura mette a disposizione per stimolare nell’individuo la sua naturale forza di autoguarigione. La Naturopatia è una scienza complessa, profonda, importante, che ricercatori, medici e non medici, di tutte le epoche e in tutto il mondo hanno studiato verificandone l’efficacia. Infatti, è proprio così che si spiega come un pubblico sempre più vasto si rivolga ad essa riscontrandone i benefici. Non si tratta di semplici terapie alternative, essa si può affiancare alla medicina tradizionale e non la vuole sostituire laddove questa si rende necessaria e indispensabile. La Naturopatia dunque è portata naturalmente ad un’integrazione non solo con la medicina, ma anche con l’arte, la filosofia, l’architettura, l’ecologia e tutto ciò che favorisce il benessere dell’uomo.

Qual’è la differenza tra la medicina olistica e quella ufficiale?

La medicina olistica, come detto in precedenza, ha una visione dell’uomo come essere intero, unico, non frazionabile in parti, microcosmo, all’interno di un macrocosmo: la natura di cui fa parte e di cui rispecchia le leggi.

La medicina ufficiale si concentra soprattutto sulla malattia organica, si rivolge prevalentemente su elementi esogeni, virus, batteri, come pure sulle lesioni e sulle malattie strutturali. Si basa sulla misurabilità per avere sotto controllo la sperimentazione e per poter ottenere questo occorre dividere in parti l’uomo e il suo organismo. Questo porta a un’oggettivazione della persona, alla perdita della sua visione globale. Il medico somministra la stessa medicina a tutti i pazienti che hanno lo stesso problema, a parte qualche caso in cui c’è allergia alla sostanza per cui si scambia molecola.

Cos’è la malattia secondo la medicina olistica?

Nella medicina olistica, la malattia è un processo di difesa del corpo e quindi un meccanismo di profonda guarigione: ” Le malattie sono reazioni opportune che servono a ripristinare lo stato di salute” e non vanno trattate con terapie soppressive perchè queste possono indurre un profondo peggioramento della salute dell’individuo, anche se non immediatamente.

L’attenzione all’ambiente

La naturopatia e il naturopata considerano la salute come la risultante del rapporto organismo vivente e ambiente esterno del quale si trovò l’organismo. La naturopatia segue dunque le leggi della vita tenendo presenti costantemente le relazioni di eventuali combinazioni che l’uomo intrattiene col proprio ambiente.

La Prevenzione

Il naturopata considera processo di guarigione non come fattore passivo ma come partecipazione attiva del soggetto, che viene così responsabilizzare la persone nel mantenimento del proprio equilibrio, sia esso fisico che psichico. Qui il lavoro della naturopatia e assai importante: infatti, tenderà a rafforzare il terreno costituzionale dell’individuo.

Chi è il naturopata?

Il Naturopata non è un medico, non fa diagnosi nosologica, non cura le malattie, ma aiuta il malato a porsi lungo la via del ripristino della salute, consente di trovare in sé l’energia mentale e fisica per afforontare la lotta alle malattie, e può supportare chi si rivolge a lui nella scelta del metodo di cura naturale (o convenzionale, in certi casi) più indicato al suo problema.

Ovviamente l’obiettivo primario del naturopata non potrà essere quello di combattere il sintomo, ma sarà piuttosto indirizzato alla ricerca delle reali cause del problema.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...